NON LOGGATO

Login




Terzo settore

Scienze della Pace: Valore e Azioni al servizio del Terzo settore

Giovanni Giudetti

Da mercoledì 10 a venerdì 12 luglio avrà luogo, presso la Pontificia Università Lateranense, la Scuola di Orientamento al Futuro “Sapere e Saperi: La scelta dei percorsi di formazione e conoscenza”. Questa Summer School nasce con l’intento di fornire un supporto agli studenti delle scuole secondarie superiori verso una adeguata e coerente scelta universitaria. Con questo percorso formativo ed educativo gli iscritti parteciperanno a momenti di approfondimento culturale e interdisciplinare finalizzati a individuare il percorso di laurea più vicino alle proprie attitudini e aspirazioni. Allo stesso tempo, avranno modo di vivere un momento di crescita personale e comunitaria attraverso lezioni frontali e dibattiti, condividendo idee e desideri relativi al loro futuro professionale e alle scelte che dovranno fare “da grandi”.

 

La Scuola intende promuovere e sviluppare un confronto su tematiche riguardanti il network di conoscenze inter e trans disciplinari, articolando nozioni e riflessioni legate e adeguatamente rimodulate con i percorsi di laurea offerti dalla Pontificia Università Lateranense: Giurisprudenza, Scienze della Pace e della Cooperazione Internazionale, Diritto Canonico, Filosofia e Teologia.

 

In linea con l’opportunità, che i più giovani hanno di partecipare a questa attività estiva di orientamento, si colloca più nello specifico ed in maniera più approfondita il percorso di laurea in Scienze della Pace e della Cooperazione Internazionale.

 

Il ciclo di studi in Scienze della Pace, istituito dal Santo Padre Francesco con Lettera “Il desiderio di pace”, del 12 novembre 2018, implementa al suo interno l’ambito dei Peace Studies, avvalendosi di multilaterale interazione tra la formazione filosofico-teologica e delle scienze umane con quella scientifica e giuridica. In particolare, il corso è strutturato su 4 aree disciplinari fondamentali: quella del diritto, della filosofia, dell’economia e delle scienze sociali; ed è arricchito dai principi basilari della teologia pastorale.

 

L’iter accademico e di ricerca prevede una Laurea triennale (baccalaureato) in Scienze della Pace e una Laurea magistrale (licenza) della durata di due anni in Scienze della Pace e della Cooperazione Internazionale. Ognuno di questi risulta pienamente equipollente con le classi di laurea italiane in Scienze politiche.

 

Tra gli obiettivi del corso quello di preparare professionisti capaci di assimilare e concretizzare una specifica cultura della pace, partendo dalla dimensione giuridica e sociale fino a giungere alle più dirette sfide proprie di una società complessa, multiculturale e post-globale. I soggetti studenti beneficiari del percorso multi stakeholders peace studies acquisiranno la capacità di operare in scenari di conflitto, di cooperazione e di promozione del bene comune. Inoltre la prassi metodologica utilizzata mirerà alla risoluzione e gestione dei conflitti con una chiave di lettura orientata al peace thinking and governance, sia a livello geopolitico e internazionale, sia nel contesto interreligioso e di Terzo settore nel suo insieme.

 

Il corso di Laurea in Scienze della Pace mira a formare i seguenti profili professionali:

 

– Operatori culturali e cooperanti con mansioni tecniche allo sviluppo internazionale e del Terzo settore; tecnici operatori in politiche e programmi di Peacekeeping, Peace-building e Peace-enforcement e del Terzo settore.

 

– Responsabili e funzionari operatori dei temi della giustizia e della pace presso Congregazioni religiose, Conferenze Episcopali, Ordinariati militari, movimenti e gruppi di ispirazione cristiana e di promozione del dialogo ecumenico e interreligioso.

 

Concludendo, con quanto evidenziato dal rettore dell’ateneo, il prof. Vincenzo Buonomo, il percorso accademico ha l’obiettivo di formare almeno tre categorie di operatori di pace: coloro che fanno attività di mediazione, quelli che svolgono la loro attività nel campo sociale e di Terzo settore, ed infine tutti i soggetti che operano nelle Organizzazioni Non Governative di rango internazionale e nazionale. La pace raccoglie al suo interno una totalità di scienze, a cui concorrono elementi e obiettivi differenti per natura giuridica e contesto sociale ed economico di appartenenza.

 

Giovanni Giudetti

Vedi anche

Novità per gli enti del Terzo settore dal decreto crescita: proroga del termine di adeguamento alla riforma e non solo…

Antonio Fici

Benvenuto a bordo professor Rajan

Felice Scalvini

Adeguamento degli Statuti e iscrizione al RUNTS per le ONG

Giovanni Giudetti

Avanzamenti e problemi nell’attuazione della Riforma

Felice Scalvini

La nuova Circolare ministeriale sugli adeguamenti statutari: il termine del 2 agosto 2019 è davvero perentorio?

Antonio Fici