NON LOGGATO

Login




Terzo settore

ODV, APS e ONLUS tra adeguamento degli statuti e Registro Unico

Giovanni Giudetti

Nell’attesa di conoscere come avverrà formalmente l’implementazione del nuovo Registro Unico Nazionale del Terzo Settore – RUNTS con la pubblicazione del decreto istitutivo, occorre precisare alcuni elementi utili all’adeguamento degli statuti da parte degli enti.

 

Più nello specifico, per quel che riguarda le Organizzazioni di Volontariato, le Associazioni di Promozione Sociale e tutte le ONLUS, alcuni elementi chiarificatori ci vengono forniti dalla Risoluzione n. 89/E dell’Agenzia delle Entrate avente ad oggetto la “Consulenza giuridica al Forum Nazionale del Terzo Settore, Articolo 101, comma 2, del d.lgs. 3 luglio 2017, n. 117 (Codice del Terzo settore)”.

 

Il parere richiesto all’Agenzia si articola in merito alla concessione ad un ente che non adegua il proprio statuto – entro il termine indicato dall’art. 101 (di cui sopra) e secondo le disposizioni inderogabili contenute nel d.lgs. 117/2017 – del beneficio delle disposizioni fiscali esistenti ex ante fino all’entrata in funzione del RUNTS.

 

L’avvio del Registro è ormai prossimo e con esso l’organizzazione e la disciplina:
– delle procedure per l’iscrizione e per l’eventuale eliminazione degli enti dal Registro;
– dei documenti che dovranno essere presentati ai fini dell’iscrizione;
– della modulistica da presentare per l’ammissione;
– dell’iter compartecipato di deposito degli atti;
– delle regole per la gestione, la struttura e l’utilizzo del Registro;
– delle procedure di scambio e comunicazione dei dati tra il registro delle imprese, con quello unico degli enti e gli altri di provenienza territoriale.

 

Il Registro Unico nella sua fase embrionale svolgerà le dovute analisi di review e per le ONLUS e per gli enti ad esse equiparati come le ONG il controllo sullo statuto, pur sempre in linea con le indicazioni del Codice, sarà attuato da un apposito ufficio amministrativo.

 

In attesa di tali precisazioni normative, la risoluzione di risposta dell’Agenzia delle Entrate fuga ogni dubbio circa il divieto di usufruire dei vantaggi fiscali fino al 30 giugno 2020, data ultima prevista per l’adeguamento degli statuti da parte degli ETs.

 

Il contenuto del commento richiesto rimanda ex multis alla Circolare n. 13 del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali del 31 maggio scorso (vedi commento su questo Osservatorio) nella quale si evidenziava come le ODV, le APS e le ONLUS già iscritte nei registri ad hoc pur non adeguandosi al termine prescritto (in quel momento limitato al 3 agosto 2019) avrebbero potuto comunque continuare ad usufruire delle condizioni fiscali già in essere.

 

Di conseguenza per tali enti – in ragione di quanto sancito dal Codice del Ts «(…) sino all’operatività del RUNTS, continuano ad applicarsi le norme previgenti ai fini e per gli effetti derivanti dall’iscrizione degli enti nei registri ONLUS, Organizzazioni di Volontariato, Associazioni di Promozione Sociale che si adeguano alle disposizioni inderogabili del presente decreto entro ventiquattro mesi dalla data della sua entrata in vigore (…) entro il medesimo termine esse possono modificare i propri statuti con le modalità e le maggioranze previste per le deliberazioni dell’assemblea ordinaria al fine di adeguarli alle nuove disposizioni inderogabili o di introdurre clausole che escludono l’applicazione di nuove disposizioni derogabili mediante specifica clausola statutaria» – anche dopo l’apposizione del termine al 30 giugno 2020 le condizioni poste restano integre e valide.

 

Concludendo, tutte le ODV e le APS così come le ONLUS con i titoli essenziali presenti nel corpo normativo di riferimento possono continuare a beneficiare di quel regime fiscale fino alla messa in opera del RUNTS.

 

L’auspicio è che ciascun ente, con la giusta e dovuta tempistica ed organizzazione interna, si renda conto dell’importanza di uniformazione con quanto previsto dal Codice del Terzo settore, e diventi nel migliore dei modi operativo prima di giugno del prossimo anno.

 

Giovanni Giudetti

Vedi anche

Lezioni dai “Tre Nobel per l’economia”: verso l’approccio concreto

Felice Scalvini

Adottate le linee guida ministeriali per la valutazione dell’impatto sociale delle attività svolte dagli enti del Terzo settore

Antonio Fici

Non si arresta la crescita del Terzo settore

Felice Scalvini

Verso “COP 26”

Felice Scalvini

Terzo settore: stato dell’arte e nuove prospettive

Giovanni Giudetti